Cosa serve per le videoconferenze?

Condividi!

Uno dei cambiamenti più grandi che ha riguardato il mondo del lavoro negli ultimi anni è lo smartworking. La pandemia globale dovuta al COVID-19 ha costretto migliaia di organizzazioni a chiedere ai propri dipendenti di lavorare da casa. Chi più, chi meno, alla fine ci siamo abituati un po’ tutti. Per poter lavorare da casa in modo efficiente ed efficace bisogna considerare alcune cose, sopratutto cosa serve per le videoconferenze? Dai requisiti hardware al software, in questo articolo ti spiego cosa serve per poter lavorare da casa, un tempo lavoro remoto e oggi smartworking.

Computer, Webcam, Microfono e connessione ad internet

Un PC con relativo schermo per vedere i colleghi e le eventuali immagini di progetti e documenti, una webcam per mostrare il nostro volto, microfono per farci sentire e una buona connessione, questi sono i requisiti essenziali per accedere allo smartworking.

Partiamo dal computer. Un normale notebook da supermercato potrà svolgere egregiamente il lavoro, bastano 2GB di RAM, un processore almeno dual core (meglio quad core). Hai un computer desktop, ovvero da scrivania, e non non un laptop? Non c’è problema, basterà acquistare separatamente webcam e microfono, gli altri requisiti rimangono invariati.

Le espressioni facciali, la nitidezza dell’immagine e magari colori non troppo morti sono fondamentali per la buona riuscita della video conferenza. Per evitare di perdere qesti dettagli è bene munirsi di una webcam all’altezza. Prima di acquistarla, controlla che la risoluzione del video prodotto dalla piccola telecamera sia di almeno 720p (1280 x 720 pixel), meglio se Full HD (1920 x 1080).

Esistono anche webcam con risoluzione 4K, ma il prezzo sale di molto e potrebbe servire un pc un po’ più potente. Inoltre ancora poche persone dispongono di monitor in grado di visualizzare questa risuoluzione. Fondamentale è la clip di aggancio al monitor, la piccola morsetta posta sotto la webcam, così potete posizionarla a lato o sopra la cornice dello schermo e non sembrerà che guardate altrove durante la chiamata.

L’audio è ancora più importante, anche nel caso in cui non dovesse vedersi bene il tuo viso, è ciò che dici che conta veramente. Generalmente tutte le webcam sono provviste di microfono, purtroppo però se non acquisti una webcam di un certo prezzo difficilmente il microfono produrrà un buon audio. Per questo motivo potrebbe essere una buona alternativa l’acquisto di un microfono separato. La connessione al PC avverrà tramite cavetto audio AUX oppure via USB. Un microfono dai 15 ai 30€ sarà sicuramente tutto ciò di cui avrai bisogno per trasmettere una voce chiara e fedele alla tua voce dal vivo.

Senza internet non si va da nessuna parte. Ormai chiunque ha una connessione, che sia tramite ADSL o Fibra o che sia via smartphone, non dovresti avere problemi. Se vuoi utilizzare lo smartphone basterà attivare il tethering, ovvero la funzionalità che consentirà al tuo cellulare, Android o iOS, di funzionare come modem per il PC. Se non sai come fare, leggi la guida su come connettersi ad internet tramite cellulare. Una connessione ad internet dai 4mbps in download e 2mbps in upload basterà per una videochiamata a risoluzione medio bassa, se vuoi una qualità maggiore sarà meglio puntare almeno a 7mbps in download e 5 in upload.

Software per le videoconferenze

Quasi sicuramente il software che dovrai usare per le videoconferenza lo sceglierà l’azienda per cui lavori, ma ecco comunque alcune informazioni utili e possibili programmi da utilizzare.

Esistono due categorie di software, spesso interconnesse tra loro, per le videocall. I sistemi utilizzabili semplicemente via browser (come Firefox e Chrome) e quelli installabili, ovvero programmi che scarichi dal sito del produttore e installi nel tuo PC. Spesso sono provvisti anche di applicazione per smartphone, nel caso dovessi trovarti in una situzione per cui dovrai effettuare una videochiamata in mobilità è davvero utile.

Su Whowtoo ti ho già parlato di uno dei principali software a livello enterprise per le videoconfernze, puoi trovare l’articolo qui: Come usare Cisco Webex. Poco prima, ti spiegai anche come fare una videoconferenza gratuitamente usando i programmi Zoom e Skype.

Esistono altre alternative a Webex, Zoom e Skype. GoToMeeting è uno dei software più semplici da utilizzare, gratuito, molto leggero. Tra le funzionalità offerte trovi anche la condivisione dello schermo, utilissima per mostrare presentazioni (come quelle realizzate in Power Point).

RingCentral video è la seconda alternativa di cui voglio parlarti. Tra i tanti, è quello che offre una qualità del video tra le più elevate e garantisce un uptime dei server del 99.999%. Che significa? Che il 99.999% delle volte che andrai ad utilizzare questo programma, riuscirai a collegarti e ad effettuare la videoconferenza. Difficilmente gli altri sistemi garantiscono un servizio del genere.

Se mostrare il vostro volto è di secondaria importanza, ad esempio lavorando nel settore IT, una soluzione potrebbe essere TeamViewer. Uno dei più utilizzati software di assistenza remota al mondo, con oltre 1.3 miliardi di dispositivi che lo utilizzano costantemente. Permette di passare il totale controllo di ciò che vedi su schermo ad un’altra persona che, da remoto, potrà agire sul tu computer come se fosse lì accanto a te.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.