Come guadagnare online: 11 idee che funzionano – prima parte

Per molte persone, guadagnare online sarebbe un sogno che si avvera, accumulare in un conto virtuale per poi riscuotere il tutto. Se riuscissero a trovare un modo per fare soldi con un sito web o qualche altra attività online, con un po’ di esperienza alcuni potrebbero addirittura lasciare il lavoro abituale per concentrarsi sull’attività imprenditoriale, passare più tempo con la famiglia e finalmente riprendere il controllo del loro tempo e della loro vita.

Come sicuramente qualcuno sa, guadagnare usando il web come mezzo non è una fantasia, non lo è mai stata. Ora, ecco la buona notizia. La maggior parte delle strategie di profitto online non sono così complicate. Come ogni impresa, il tuo reddito online richiede tempo per crescere e bisogna essere disposti a dedicare anche tanta energia. Questi sono fattori necessari per far decollare la propria idea e per migliorare i propri risultati ci vuole grinta e determinazione, sempre, anche se il percorso è (molto) lento all’inizio.

Se stai cercando di guadagnare soldi online ma non sai da dove cominciare, questo è il primo di una serie di articoli incentrati sull’argomento. Da qui potrai prendere spunti e conoscere modi di guadagno a cui probabilmente non avresti mai pensato.

1 – Google Adsense

Se hai visitato un sito web, e lo hai fatto, sicuramente hai notato gli annunci di Google. Questi annunci sono ovunque, per una buona ragione. Bisogna perdere un po’ di tempo per metterli correttamente nel sito e per avere l’ok da parte di Google, che dovrà preventivamente approvare il tuo sito, ma possono essere redditizi una volta che il tuo sito web inizia a portare una quantità costante di visitatori.

Una delle cose belle di Google AdSense è la facilità di configurazione. Se hai un blog o un sito web, puoi iscriverti gratuitamente. Da lì, Google ti darà un codice univoco che inserirai nel tuo sito web. Da quel momento Google terrà traccia delle visite alle tue pagine, il traffico e i guadagni per tuo conto. Non c’è bisogno di nessuna manutenzione o assistenza per far funzionare il tutto, il che lo rende un gioco da ragazzi se hai già un sito web. Ovviamente bisognerà aggiornare il sito costantemente con nuovi contenuti così da attirare sempre più visitatori, o quantomeno non diminuirne il numero.

Quanto guadagnerai? Dipende tutto da quante visite riesce ad avere il tuo sito, con poche visite i guadagni non saranno granché, in questo caso è meglio puntare ad una determinata nicchia di mercato. Gli annunci pubblicitari rivolti a settori non “mainstream” fruttano di più. Per capirci, esistono tantissimi blog che trattano di guide informatiche, invece sono pochissimi i siti che trattano guide specifiche su come rimuovere virus dal tuo smartphone. I secondi daranno spazio ad annunci più mirati, e quindi più redditizi.

2 – Affiliate Marketing

Se hai un sito web o un semplice blog, puoi occuparti del marketing di affiliazione. Con l’affiliate marketing, collabori con marchi e aziende affini al contenuto del tuo sito web. Se menzioni un prodotto o un servizio, nei link inserirai un codice di affiliazione unico che hai ricevuto quando ti sei iscritto a quel particolare programma di affiliazione. Da lì, guadagnerai denaro ogni volta che qualcuno acquisterà un prodotto o servizio attraverso il tuo link.

In generale, vorrai collaborare con gli altri partner che sono legati all’argomento del tuo blog. Se tratti di automobili usate, avrà senso pubblicizzare offerte di servizi di compravendita di auto oppure, pensandola in modo più laterale, officine ed assicurazioni, così come pneumatici e pezzi di ricambio.

Oltre ad iscriversi ai singoli programmi di affiliazione, è possibile usare un network di affiliazione che offre una tonnellata di programmi di affiliazione diversi in un unico sito. In questo modo, è possibile vedere cosa funziona e cosa non funziona nel corso del tempo ed affinare le proprie conoscenze in quel campo, migliorando il ritorno economico. Uno dei più famosi è sicuramente Tradedoubler, ma ne esistono molti altri.

Approfondiremo più avanti il legame tra affiliate marketing e presenza su Instagram. Una coppia esplosiva che sta fruttando milioni di Euro ai cosiddetti Influencer (che non sono solo i profili con centinaia di migliaia di followers, si riesce a guadagnare online qualcosa anche con poche migliaia!).

3 – Consulenza

La consulenza è il terzo metodo per guadagnare online di cui parleremo. Se sei un esperto in qualsiasi campo, potresti potenzialmente trovare persone disposte a pagare per avere consigli sui loro obiettivi personali o aziendali. Non pensare di non essere abbastanza importante o esperto per fare consulenza, potresti rimanere sorpreso dai tipi di competenze che la gente è disposta a pagare. Colleghi articolisti si sono cimentati nella consulenza, cercando di addentrarsi in settori meno popolari e più di nicchia.

Se vuoi offrire consulenza anche tu, ma non sei sicuri di quali siano i passi successivi da compiere, puoi anche creare un account gratuito attraverso Clarity.fm oppure il più utilizzato in Europa, Fiverr. Questi siti web permettono a chiunque voglia fornire consulenza di creare un profilo gratuito. Una volta creato il tuo profilo, lo staff del sito approverà manualmente la tua iscrizione e le persone ti troveranno e prenoteranno una sessione per la quale sarai pagato.

4 – Corsi Online

Se hai qualche abilità che puoi insegnare agli altri, è anche possibile impostare un corso che puoi commercializzare online. Puoi trovare corsi online che insegnano qualsiasi cosa, dalla cucina al marketing o anche la scrittura freelance.

La maggior parte delle persone creano il loro corso online attraverso una piattaforma come Teachable.com. Con Teachable, è possibile caricare il materiale del corso e utilizzare la piattaforma per gestire i clienti e accettare pagamenti. Si può considerare anche l’idea di provare a proporsi come insegnanti per siti come Udemy o Coursera.

5 – Vendite di libri

Mentre un tempo l’industria editoriale andava forte nella stampa, oggi è possibile completare l’intero processo di scrittura, pubblicazione e commercializzazione di un libro online. Il sistema più utilizzato per l’autopubblicazione è sicuramente Amazon Kindle Direct Publishing, nato per la pubblicazione negli USA ed arrivato in Europa, quindi in Italia, già da diversi anni. Tra le varie features, la pubblicazione è possibile non soltanto in digitale sui dispositivi Kindle, bensì Amazon offre anche la stampa e vendita diretta di veri e propri libri cartacei. L’autore riceve il 70% del prezzo di vendita mentre Amazon trattiene il restante 30%, una percentuale che, tutto sommato, non è così male.

Se pensi di poter scrivere un libro che la gente vorrebbe comprare, questa è una strategia intelligente da considerare per guadagnare online, poiché i costi di avvio possono essere minimi e probabilmente hai comunque già un computer e un software di videoscrittura.

Ti suggerisco di leggere questi altri articoli relativi al guadagno online:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.