Miglior smartphone 2017: come scegliere il modello migliore

Condividi!

Il mercato degli smartphone è padrone del settore ormai da diversi anni, ma negli ultimi tempi l’incremento di prestazioni e funzionalità dei dispositivi mobili ha reso questo tipo di supporto leader nel settore, anche a discapito degli stessi Pc. In questo senso, il panorama di possibilità in termini di scelta è praticamente infinito, ed è davvero difficile stabilire con certezza quale sia il miglior smartphone 2017, in quanto siamo subissati da offerte di ogni tipo relativamente al mondo dei telefoni cellulari di ultima generazione.

Vediamo dunque di capire quali sono i principali parametri di cui tenere conto al fine di selezionare il miglior smartphone, quindi il più adatto alle nostre esigenze.

 

Schermo

Il parametro più importante da valutare dal punto di vista dello schermo è, chiaramente, la risoluzione. Ovviamente maggiore sarà la risoluzione e migliori saranno le immagini.

In secondo luogo vanno valutate le tipologie di schermo in termini tecnici:

  • I display LCD TFT sono quelli maggiormente utilizzati per gli smartphone del settore low-cost. La qualità dell’immagine in linea di massima è buona, seppur si ravvisino problematiche relative ai colori, che risultano alquanto sbiaditi a seconda dell’angolo di visione.
  • I display IPS rappresentano l’evoluzione dei TFT precedentemente descritti. Sono presenti su diversi modelli di smartphone anche top di gamma (come l’iPhone). La resa del colore è praticamente perfetta in quanto dotata di retroilluminazione dei pixel, e anche il bianco risulta decisamente carico. Inoltre, non sono caratterizzati dalle problematiche tipiche del TFT in merito all’angolo di visione, e consumano meno energia della loro versione precedente.
  • I display AMOLED annoverano una tecnologia abbastanza recente presente su diversi dispositivi sia in fascia alta che media (ad esempio il Samsung Galaxy). In questo caso abbandoniamo la retroilluminazione a favore di pixel “autoilluminanti”. La migliore qualità cromatica è rappresentata dai neri molto intensi, seppur la leggibilità complessiva risulta leggermente inferiore agli IPS sotto la luce del sole.

 

Memoria interna del miglior smartphone

Un altro parametro di cui tenere conto nella scelta del nostro dispositivo è quello della memoria interna. I principali smartphone in commercio sono dotati di memoria fissa oppure espandibile. L’iPhone, per esempio, è dotato di una memoria fissa selezionabile in base al modello al momento dell’acquisto del dispositivo. Altri invece hanno la possibilità di integrare nel supporto delle microSD, schede di memoria che vanno ad aggiungersi a quella del dispositivo, su cui eventualmente spostare applicazioni, foto, video e dati in generale, liberando di fatto la memoria di base del telefono.

 

Supporto rete dati 4G/LTE

La connessione dati di ultima generazione, 4G/LTE, è ormai una certezza sulla maggior parte dei dispositivi (praticamente tutta la fascia top e gran parte di quella media), e consente di navigare al massimo delle potenzialità attualmente disponibili.
Tuttavia bisognerà valutare attentamente i device importati dalla Cina. Alcuni di questi dispositivi infatti non supportano la banda di frequenza a 800MHz, ma solo la 1800MHz e la 2600MHz. Questo aspetto è molto importante, poiché sul territorio italiano esistono diverse zone in cui la banda di riferimento è esclusivamente quella a 800MHz, rendendo non disponibile in quel caso la velocità 4G.

 

Dual-SIM

Un ulteriore criterio di valutazione è quello relativo alla caratteristica di alcuni smartphone, soprattutto quelli di importazione cinese, di supportare il dual-SIM, ossia la possibilità di supportare due schede SIM contemporaneamente.
Bisogna però fare attenzione: non tutti i sistemi di supporto dual-SIM sono uguali, per esempio la tipologia DSDS prevede una sorta di stand-by della SIM non utilizzata, ossia risulta irraggiungibile/occupata quando l’altra è in uso. Viceversa, la tecnologia DSFA (molto rara) consente di mantenere attive le due SIM contemporaneamente.

Infine, va considerato che molto spesso lo slot in cui dovrebbe alloggiare la seconda SIM è anche ingresso per microSD, quindi bisognerà valutare di volta in volta come utilizzare quella specifica porta, non permettendo di fare entrambe contemporaneamente.

 

Sistema operativo del miglior smartphone

Un’analisi approfondita va fatta poi relativamente al sistema operativo dello smartphone che intendiamo scegliere, tenendo presente che non esiste l’interfaccia perfetta, ma ognuna possiede caratteristiche positive e negative più o meno in linea con le nostre esigenze.

Android è l’interfaccia maggiormente diffusa, consente di selezionare un numero infinito di applicazioni ed ed è dotato di un margine di personalizzazione molto elevato. Di contro, chiaramente, il concetto open source si scontra con una maggiore vulnerabilità ai virus e malware vari. Inoltre gli aggiornamenti non sono univoci come per iOS, ma frammentati da dispositivo a dispositivo a seconda della marca e del modello. Inoltre, spesso, le case di produzione dello smartphone propongono in abbinamento versioni personalizzate del sistema operativo, che talvolta può risentire, in positivo o negativo, del cambiamento in termini di prestazioni.

iOS è invece il sistema operativo della Apple, dedicato all’iPhone. In questo caso i margini di personalizzazione sono minimi, tuttavia i margini di semplicità derivati sono notevoli così come la sicurezza. Inoltre, a differenza di Android, gli aggiornamenti sono univoci per tutti i dispositivi e la qualità delle applicazioni, in media, è molto più alta di quella concorrente.

Windows Phone, infine, è la piattaforma mobile di Microsoft, meno diffusa delle altre. Questo si riflette su uno store di applicazioni ancora non molto vasto. Il principale lato positivo lo si ha dal punto di vista delle prestazioni, ottime anche se presente su device di fascia medio-bassa.

 

Fotocamera

Valutare la qualità della fotocamera è un elemento imprescindibile nella scelta del proprio miglior smartphone ideale. Generalmente ogni dispositivo ne possiede due, di cui quella posteriore è quasi sempre migliore di quella frontale. Si consiglia di non valutare solo il numero di Megapixel per stabilire questo parametro, ma di consultare il web alla ricerca di recensioni e scatti dimostrativi. Gli ultimi smartphone per esempio posseggono spesso lo stabilizzatore ottico, strumento utile ad annullare ogni tremolio durante lo scatto, oppure la doppia telecamera posteriore, caratteristica atta a migliorare, anche notevolmente, la qualità delle foto realizzate.

Batteria e garanzia

In ultimo, non dimentichiamo mai di considerare la capacità della batteria del proprio smartphone (si esprime in mAh, milliampere). Maggiore sarà il numero di mAh, chiaramente, maggiore sarà la durata media della batteria in uso. Questo aspetto è molto importante soprattutto perché non tutti gli smartphone consentono di effettuare una facile rimozione della batteria, anzi, i modelli a corpo unico piuttosto prevedono una perdita di garanzia se si tenta un’apertura forzata.

A tal proposito, in conclusione, valutare con attenzione le caratteristiche della garanzia, la copertura etc, soprattutto per i modelli di importazione.  Questi ultimi infatti talvolta osservano parametri di conformità diversi da quelli delle garanzie standard europee.

Ricordiamoci infine che non esiste uno smartphone considerato in assoluto il migliore, ma il miglior smartphone è quello più adatto alle nostre esigenze in termini di qualità/prezzo. Consideriamo infatti che le prestazioni/funzionalità dello smartphone sono strettamente legate al prezzo. Quindi conviene prendere uno smartphone con le caratteristiche che ci servono, altrimenti andremo solo a spendere più soldi, inutilmente.

Leggi anche l’articolo su come scegliere il miglior tablet.

Condividi!

Un pensiero riguardo “Miglior smartphone 2017: come scegliere il modello migliore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *