Come collegare un PC alla TV: cavo o wireless?

Condividi!

Se hai voglia di continuare a visionare i tuoi contenuti scaricati dal pc su uno schermo più grande come quello della Tv, sappi che esistono molte modalità per collegare un PC alla TV e goderti le tue serie preferite o i tuoi film comodamente seduto sul tuo divano in salotto.

Le modalità di collegamento sono principalmente due:

  1. attraverso cavi
  2. utilizzando dispositivi wireless 

Esistono tuttavia vantaggi e svantaggi per entrambe le modalità, vediamo quali sono.

 

Collegare un PC alla TV tramite cavo­­: pro e contro

Il vantaggio di questo tipo di connessione è sicuramente l’assenza di lag, ossia ritardo nell’invio delle immagini, nonché l’immediatezza di soluzione al problema. Non è necessario avere una rete wi-fi e si presta particolarmente per esigenze di collegamento continuativo.

 

Collegare un PC alla TV tramite dispositivo wireless: pro e contro

Questo collegamento ha una comodità intrinseca dovuta all’assenza di cavi, utile soprattutto nel caso si debbano inviare contenuti dal pc a diversi apparecchi tv, ma può generare un problema di lag, ove si intende un generale ritardo di risposta, sulla tv, delle azioni compiute in contemporanea sul pc. Inoltre, lo status di connessione può incidere sulla qualità delle immagini trasmesse. In questo senso si sconsiglia questa soluzione per collegamenti a fini video ludici.

Importante: in tutti e due i casi sarà necessario che entrambi i dispositivi da collegare rispettino gli stessi parametri tecnici. Nel caso del collegamento via cavo, questo aspetto si traduce utilizzando la stessa porta, come quella hdmi, sia lato pc che lato tv. Nel caso del wireless, si da per scontato che la tv possegga un componente (o un adattatore) atto a ricevere il segnale wifi del pc, e che la rete utilizzata sia la medesima per entrambi i dispositivi.

 

Metodi per collegare un PC alla TV attraverso il cavo

Il primo step è verificare le porte disponibili sia sul fronte TV che su quello PC. La cosa fondamentale sarà infatti comprare un cavo che sia supportato da entrambi i dispositivi. Le tipologie di cavi maggiormente diffuse sono le seguenti:

  • Hdmi
  • Mini o Micro Hdmi
  • S-video
  • VGA
  • DVI
  • Mini Display Port
  • USB Type C

Tra tutti, l’HDMI è sicuramente il sistema più diffuso per collegare un pc ad una tv, è supportato dalla stragrande maggioranza dei dispositivi sul mercato e consente di ottenere immagini in alta definizione.
Il sistema Mini o Micro HDMI è un formato ridotto in dimensioni del classico HDMI, che talvolta è riscontrabile in alcuni specifici device. S-Video, DVI e VGA sono invece ottime porte, a livello di risoluzione, per il collegamento video, a cui però andrà associato un altro cavo per il flusso audio.

I MacBook dispongono talvolta di MiniDisplayPort o di porte USB di tipo C, a seconda del modello, in grado di riprodurre flussi audio video fino alla risoluzione in 4k.
Ovviamente, qualora su uno dei due dispositivi non si disponesse dello stesso tipo di porta necessaria, si potrà ricorrere ad appositi adattatori dedicati.

 

Esempio di collegamento di un PC alla TV con HDMI

Tecnicamente, il metodo è alquanto immediato. Sarà sufficiente collegare il cavo HDMI alle porte di entrambi i dispositivi e selezionare il canale HDMI sulla Tv. Dopo pochi secondi dovrebbe apparire l’immagine del desktop direttamente sul televisore.

Qualora ciò non accadesse in automatico, bisognerà cliccare con il tasto destro in qualsiasi punto del desktop e selezionare Risoluzione dello Schermo (o Impostazioni Schermo, a seconda dei casi) dal menu che apparirà. Troverai la voce Rileva, che sarà utile affinché il Pc identifichi la tv, seleziona poi Più Schermi e Estendi il desktop a questo schermo. Una volta selezionato Applica/Ok l’operazione dovrebbe essere conclusa con successo.

 

Collegare un PC alla TV con un Mac

Nel caso utilizzassi un dispositivo della mela morsicata, puoi gestire tutti i settaggi dopo aver collegato i cavi attraverso il seguente percorso: Preferenze di Sistema, Monitor e poi  Disposizione (cambiare l’ordine dei monitor, disattivare duplicazione etc).

Interrompere la trasmissione tra tv e pc sarà ancora più semplice: basterà disinserire i cavi precedentemente collegati a entrambi i dispositivi e tutto sarà tornato come prima.

 

Metodi per collegare il PC alla TV attraverso la modalità wireless

Come anticipato, il collegamento wireless non è consigliabile per trasmissioni di lunga durata, videogame o in caso di connessione internet altalenante. In ogni caso, collegare un PC a una TV con il wireless è possibile in diversi modi, ed è anche piuttosto semplice.

Chromecast

Chromecast è uno dei metodi più versatili ed economici per collegare il PC e la TV in modalità wireless. Si tratta di una chiavetta collegabile sia alla porta Hdmi che USB della TV, capace di trasmettere diversi tipi di contenuti captati da un PC ma anche da tablet e smartphone Android. Esistono due versione della chiavetta, da 39 e da 79 Euro acquistabili direttamente dallo store ufficiale di Google, che consentono la trasmissione in Full HD o in 4K.

Stando alle recensioni, non si ravvisano particolari problemi di lag eccessivo. La rete wireless utilizzata è quella tradizionale casalinga, da 2.4GHz o 5GHz

Per attivare il flusso di trasmissione una volta collegata la chiavetta, sarà sufficiente scaricare ed installare il browser Google  Chrome (se sprovvisti) e selezionare l’icona delle tre linee orizzontali nella barra degli strumenti, poi Trasmetti (comparirà due volte nei vari menu) e ancora Trasmetti desktop, selezionando infine il nome della chiavetta Chromecast.

Apple TV

Se possedete un dispositivo Mac, la soluzione wireless migliore potrebbe essere Apple TV, una centralina collegabile alla TV attraverso cavo HDMI che invia contenuti esattamente come la chiavetta Chromecast. In questo caso, Apple TV si avvale della tecnologia AirPlay, specifica per trasmettere i contenuti dai sistemi OS X, iPhone ed iPad.

AirPlay non necessita a sua volta di particolari configurazioni, basterà cliccare sull’icona Duplica Schermo nella barra del menu del Mac e selezionare Apple TV.
Va inoltre specificato che Apple TV non è esattamente economica, e non è compatibile con sistemi diversi da Mac (a meno che non si utilizzino applicazioni di terze parti per consentire il run anche attraverso Windows, ma si tratta di test non nativi). Inoltre, a sua volta, Apple TV si divide in terza e quarta generazione, sulla base delle applicazioni supportate e, soprattutto, del prezzo.

Ti consigliamo, inoltre, di leggere gli articoli su come guardare YouTube sulla TV o come vedere i video dall’iPhone sulla TV.

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *